Valvole & Audio per passione

LTS importare un modello di terze parti 2

Ciao a tutti, in una serie di articoli abbiamo visto come importare i modelli di terze parti reperibili su internet. Vediamo ora un applicazione ad un circuito reale. Stiamo lavorando su un nuovo amplificatore:                                 Vagando per il web troviamo un modello spice della 6E5P da  testare, cosa fare? Possiamo seguire due vie(1): metterlo nella…

Read More…

Ask The Dust 2A3

Ciao a tutti, partiamo con un nuovo progetto impegnativo e ambizioso: un amplificatore ad accoppiamento continuo di 2A3. In questo post daremo solo una descrizione veloce del progetto.   Lo schema è un cavallo di battaglia di Gluca presentato sul forum ADFT. Semplicemente è stato adattato alla 2A3 con driver di 6E5P. Il driver SRPP è accoppiato in continua al tubo finale e la polarizzazione è regolata dal partitore R1…

Read More…

Alimentatore HT 250V Pre Phono

Ciao a tutti, un amico mi chiede come utilizzare l’ alimentatore HT in un preamplificatore phono a 250V. In pratica verrà usato per alimentare il pre phono Prestante. La richiesta è utilizzare la configurazione a striscia di zener e quali valori scegliere? La tensione di uscita coincide con la tensione di zener totale come possiamo vedere in questo esempio. Per avere la tensione di uscita richiesta useremo due zener da 100V…

Read More…

LTS importare un modello di terze parti 1

Ciao a tutti nel precedente articolo abbiamo visto come importare facilmente un modello spice. Ora vediamo come utilizzare il nostro modello. Il nuovo simbolo lo troviamo nella libreria componenti (F2) nella directory “Autogenerated” e lo possiamo utilizzare nel nostro schema. Il modello conviene metterlo nella libreria sub di LTS come possiamo vedere nella figura sotto: Questo facilita il lavoro nel caso si debba usare il simulatore su un altro PC.…

Read More…

LTS importare un modello di terze parti

Ciao a tutti, si può avere la necessità di importare velocemente un modello di un componente e quelli maggiormente diffusi sono in formato PSpice (1). Si presentano nel modo che potete vedere sotto sotto: Si tratta di un cosiddetto “sottocircuito” subcircuit in inglese di un transistor digitale che possiamo vedere nella figura sottostante: Andiamo per ordine quando si simulano circuiti molto complessi per comodità il circuito viene diviso in blocchi chiamati sottocircuiti. A questi blocchi viene assegnato un simbolo (che incapsula un intero blocco circuitale) che viene poi inserito nello schema rendendolo più semplice e leggibile (2). Il sottocircuito lo si usa anche per rappresentare funzioni circuitali complesse di cui non esiste un modello “nativo in spice. In pratica ci troviamo di fronte ad un file di testo come quello…

Read More…

VTS modello E810F

Ciao a tutti, come promesso inizia una serie di post che servono a chiarire aspetti del libro, o arrivano da richieste dei lettori. Nel titolo verrà usata l’ abbreviazione VTS seguita dall’ argomento trattato. Un amico vedendo questo schema datato di Neturbano mi ha chiesto se nelle librerie erano presenti i modelli del pentodo E810F. Si tale modello proveniente dalle librerie fornite da Steve Bench è contenuto nella libreria dei tetrode_dd.                             Cliccare due volte e piazzare il simbolo nello schema:                     Cliccando con il tasto destro sul simbolo si apre la finestra di selezione che possiamo vedere sotto.                    …

Read More…

Materiale Magnetico Nanocristallino

Ciao a tutti, all’ ultimo Bottom di ADFT si è parlato assai di trasformatori in nanocristallino e precisamente in Finemet. Questa lega è prodotta da Hitachi Metals , e in Giappone esiste una vasta gamma di avvolti fatti con questo materiale. Iniziamo un percorso che dovrebbe portare al calcolo e alla realizzazione di un trasformatore di uscita in nanocristallino e forse di un interstadio nello stesso materiale. Il taglio degli articoli sarà molto tecnico, se volete una spiegazione semplificata chiedete. Materiale magnetico nanocristallino In questi anni, molto lavoro di ricerca è stato fatto nel campo dei materiali magnetici che porta alla creazione delle leghe amorfe. Il lavoro prosegue e porta alla nascita del materiale magnetico nanocristallino presso i laboratori Hitachi Metals nel 1988. Tutte queste leghe nascono per produrre componenti…

Read More…

Caduta di tensione sui trasformatori di alimentazione

Ciao a tutti, inizio una nuova serie di post che prenderà il nome di “appunti di laboratorio”, saranno post brevi su informazioni comode da avere sottomano al momento del bisogno. A volte ci sono informazioni tabelle che servirebbero al volo e le devi cercare in mille posti, la cosa migliore è fare un raccoglitore dove metterle. In un era come la nostra molto più pratico usare un programma come Evernote, che permette una veloce ricerca. Quante volte avreste voluto sapere quanto è grande un trasformatore di alimentazione, quanta tensione cade sul secondario?                 Nella tabella sopra possiamo vedere che nel trasformatore da 100 VA, la caduta di tensione è del 7,2%. Questo dato ci risulta utile per determinare la resistenza interna del trasformatore.…

Read More…

Quali condensatori usare negli alimentatori HT?

Quali condensatori elettrolitici alta tensione usare nell’ autocostruzione? I principali criteri a cui debbono rispondere sono: componenti reperibili da diversi distributori a catalogo componenti reperibili se possibile da almeno due fonti componenti provati con ottimi risultati nella pratica quotidiana buon rapporto prezzo prestazioni In fase di prototipo capita di usare quello “che passa il convento” e una volta raggiunto un ottimo risultato vorremmo che fosse ripetibile. Cosa che non è possibile usando condensatori casual anonimi di cui non si conosce la provenienza. Il consiglio è fare piazza pulita e impiegare sempre la stessa serie di condensatori elettrolitici nelle nostre elettroniche valvolari. Un ottima serie di condensatori con ottime correnti di ripple è la serie KXG di Nippon Kemi-con reperibile da Digikey. Il condensatore più ingombrante ha diametro 18×40 e permettono…

Read More…

Ricavare l’ ESR di un elettrolitico

Ciao a tutti, in questo periodo nel blog verranno completati alcuni argomenti lasciati in sospeso. I parametri parassiti degli elettrolitici li troviamo in questo articolo, vediamo ora come ricavare il parametro ESR dal datasheet. Vediamo ora un condensatore elettrolitico da 47u 400V che useremo in futuri progetti. Dalle caratteristiche vediamo che DF vale 15 a 120 Hz; sapendo che: ESR = DF/2 ×3,14×f×C = 15/2 ×?×120×47×10-6  ESR = 0,13 Ohm ESL = 80 nH come nel precedente articolo. Una trattazione ben fatta su ESR dei condensatori elettrolitici lo trovate nel seguente documento impendance_dissipation_factor_esr Questi parametri ci serviranno per simulazioni approfondite sugli alimentatori valvolari. Alcuni costruttori di elettrolitici mettono a disposizione dei modelli spice, ma in genere sono solo per gamme di elettrolitici di nicchia… speriamo che la cosa si diffonda. mRTTG PS: continuo…

Read More…

%d bloggers like this: